10 pratiche chiave per prevenire la "sindrome del lavoratore esaurito"

I suoi effetti sono molteplici e potenti: dai problemi di salute mentale e fisica (che, di conseguenza, comportano congedi per malattia) a enormi cali di produttività aziendale.

A questi fattori si aggiunge la cultura del successo che prevale nella nostra società attuale: sembra che ovunque, soprattutto sui social network come LinkedIn, vengano pubblicati messaggi contraddittori, secondo i quali è necessario essere flessibili sul lavoro e saper staccare ma, allo stesso tempo, più si lavora e maggiore sarà il successo. Tutto ciò, unito alla pressione dei team leader e delle stesse aziende, che devono essere competitive, aumenta in modo significativo il rischio di burnout tra i professionisti di oggi.

Statistiche desunte dalla E-guide di Robert Walters "Burning the Candle - Strategies to Combat Workplace Burnout" 

  • L'82% dei professionisti ha sofferto di sindrome da burnout in qualche momento della propria vita.

  • Il 47% dei team manager ritiene che i propri dipendenti siano a rischio di burnout.

  • Il 73% dei professionisti ritiene che le attività sociali d'impresa siano importanti per combattere questa sindrome, anche se solo il 43% delle aziende le offre nel proprio programma di incentivazione.

  • Il 65% dei dipendenti vorrebbe offrire un feedback anonimo sui propri manager, ma solo il 46% delle aziende mette a loro disposizione questa opzione.

  • Il 61% dei dipendenti considera molto importanti le attività legate alla salute fisica e mentale, ma solo il 34% delle aziende le include nel proprio programma di benefit.

  • Il 55% dei dipendenti è meno incline al burnout se ritiene che le metriche di valutazione delle proprie performance siano sotto il suo controllo.

  • Meno del 7% dei professionisti sa con assoluta chiarezza quali obiettivi deve raggiungere per ricevere un bonus e/o una promozione.

  • 1 professionista su 3 ritiene di non essere ricompensato in modo equo per il proprio contributo all'azienda.

  • Solo il 18% dei professionisti intervistati ritiene che il proprio ruolo e le proprie responsabilità siano stati adeguatamente comunicati nell'offerta di lavoro e nel processo di colloquio che ha portato alla loro attuale assunzione.

  • Il 42% degli intervistati sceglie di lavorare per un'azienda perché condivide la sua mission piuttosto che per altri fattori come stipendio e benefit.

Le 10 pratiche chiave che devono essere sviluppate dalle aziende e dai manager per combattere questa sindrome tra i dipendenti sono:

1. Comunicare chiaramente gli obiettivi, condurre revisioni periodiche e attuare la regola dell'80/20

Secondo questa logica, circa il 20% dello sforzo genera l'80% dei risultati, pertanto i compiti più importanti e prioritari devono essere comunicati, evidenziati e rivisti quotidianamente in modo da dedicare la maggior parte del tempo allo svolgimento delle attività che hanno un impatto maggiore sul business. Inoltre, quando gli obiettivi vengono riesaminati regolarmente, è più facile identificare valori anomali o aree di lavoro significative che potrebbero essere state "sovraffollate" da attività eccessive.

2. Enfatizzare l'importanza del benessere 

Incoraggiare i dipendenti a prendersi una vacanza senza sentirsi in colpa per essere stati assenti dal lavoro per alcuni giorni aiuterà notevolmente il loro benessere. Incoraggiare pause regolari durante la giornata lavorativa migliorerà anche l'entusiasmo, la produttività e la salute fisica e mentale dei dipendenti. Anche l'implementazione di iniziative di benessere sul posto di lavoro, ad esempio lezioni di yoga, accesso ad applicazioni di mindfulness o fornitura di snack sani si rivela molto efficace.

3. Implementare modalità di lavoro flessibili

La flessibilità lavorativa può ridurre la tensione e lo stress, consente di conciliare in modo più ottimale il lavoro e la vita personale e attrae i migliori talenti, poiché i professionisti attuali spesso cercano opportunità di lavoro che includano questo tipo di lavoro. 

Incoraggiare i dipendenti a prendersi una vacanza senza sentirsi in colpa per essere stati assenti dal lavoro per alcuni giorni aiuterà notevolmente il loro benessere. Incoraggiare pause regolari durante la giornata lavorativa migliorerà anche l'entusiasmo, la produttività e la salute fisica e mentale dei dipendenti. Anche l'implementazione di iniziative di benessere sul posto di lavoro, ad esempio lezioni di yoga, accesso ad applicazioni di mindfulness o fornitura di snack sani si rivela molto efficace.

4. Mettere in atto misure che consentano la disconnessione dal lavoro 

Non consentire ai dipendenti di installare le caselle e-mail aziendali sui propri telefoni cellulari/dispositivi personali, questo faciliterà la disconnessione e il riposo durante il tempo libero. Inoltre, il rispetto degli orari non lavorativi deve essere garantito limitando le comunicazioni oltre l'orario di ufficio.

5. Dare ai dipendenti autonomia e controllo sul proprio ruolo e sulle proprie prestazioni

Una delle principali cause di burnout tra i professionisti è la mancanza di controllo sul lavoro e sulle prestazioni. I principali metodi per combattere questo problema sono:

  • Stabilire le aspettative da zero: l'azienda deve avere chiare fin dall'inizio le abilità e le competenze che la posizione richiede. Se ti aspetti che un ruolo si evolva o cambi nel tempo, chiariscilo durante processo di selezione del candidato.

  • Valutare le possibilità di rendimento: le scadenze ravvicinate sono comuni in qualsiasi attività, almeno di tanto in tanto, ma il burnout si verifica quando una persona ha semplicemente troppo da fare o soffre per la mancanza di risorse e competenze che consentano di svolgere le attività richieste nel tempo stabilito. Pertanto, devono essere messi a disposizione tutti gli strumenti necessari perché i dipendenti possano raggiungere i propri obiettivi, anche se questo, in alcune occasioni, potrebbe significare scegliere di subappaltare un progetto a un'agenzia o a un libero professionista, o acquistare programmi tecnologici per l'automazione di alcune operazioni.

  • Coinvolgimento nelle decisioni: sebbene alcune decisioni debbano essere prese a porte chiuse, consultare i dipendenti e dimostrare che i loro contributi sono apprezzati e che fanno parte del futuro dell'azienda è fondamentale. Ciò comporterà un aumento della soddisfazione sul lavoro e dell'interesse professionale e personale del dipendente per il successo dell'azienda.

  • Chiedere un feedback: fornire ai dipendenti canali sicuri per offrire la loro opinione sull'azienda e sulla gestione dei responsabili è fondamentale. 

6. Riconoscere e premiare i buoni risultati

Garantire che i dipendenti si sentano ricompensati per il loro lavoro è fondamentale per migliorare la loro soddisfazione e prevenire la sindrome da burnout. La ricompensa non deve essere sempre economica, può essere un riconoscimento pubblico (sotto forma di lodi o commenti positivi) o intrinseco (sentirsi orgogliosi del risultato del proprio sforzo). La cosa più importante è premiare un dipendente per i suoi risultati e non per il numero di ore trascorse in ufficio. 

7. Trasparenza e feedback sulle possibilità di sviluppo professionale

Per ogni posizione deve essere definito un piano di carriera, associato a obiettivi comunicati in modo del tutto trasparente, affinché il dipendente sia consapevole delle proprie possibilità di avanzamento di carriera e degli obiettivi che deve raggiungere per ottenere un determinato titolo, livello o stipendio. Bisogna fare riferimento regolarmente a questo piano e fornire feedback sui progressi, in particolare durante le valutazioni annuali.

8. Investire nella costruzione di una comunità

Una cultura aziendale diversificata e aperta, solida e positiva, che accoglie tutti i tipi di professionisti aumenterà l'impegno dei dipendenti, che si sentiranno più coinvolti nell'organizzazione. Inoltre, migliora la soddisfazione sul lavoro in generale e, di conseguenza, riduce il rischio di burnout. L'organizzazione di eventi aziendali, l'implementazione di piattaforme di comunicazione interna, la celebrazione di anniversari che mettono in risalto l'unicità di ogni professionista o la politica "della porta aperta" sono alcune delle iniziative che contribuiscono a creare questo spirito di comunità.

9. Garantire pari opportunità e imparzialità

Consentire ambiguità sui criteri di promozione/aumento di stipendio potrebbe portare a interpretare alcune situazioni come inique. Stabilire chiare politiche salariali in linea con il mercato del lavoro e attuare piani di mentoring che facilitino per ogni dipendente la possibilità di crescita e sviluppo porterà alla creazione di un ambiente inclusivo e diversificato. Per quanto riguarda le modalità di lavoro flessibili, queste non dovrebbero essere limitate ai dipendenti con esigenze particolari come i lavoratori con figli, ma devono essere estese a tutta la forza lavoro, per dimostrare che tutti i lavoratori sono uguali agli occhi dell'azienda, a prescindere dalla condizione o dallo stato di famiglia.

10. Trasformare le parole in azioni: trasmettere e integrare la mission nei processi aziendali

È logico che i dipendenti abbiano maggiori probabilità di subire il burnout se non si identificano o se addirittura non sanno quale sia la missione della tua azienda. Quindi, cosa puoi fare per scongiurare questo pericolo? Devi garantire che i profili pubblici dell'azienda (siti web, social network, comunicati stampa, report…) trasmettano chiaramente i valori e la mission aziendale. Ciò aiuterà i dipendenti a capire se possono adattarsi all'organizzazione e in che modo il loro lavoro contribuisce al successo aziendale. Tuttavia, un gran numero di organizzazioni prevede già durante il processo di selezione un colloquio incentrato sulla scoperta della "idoneità culturale" del candidato: in questa fase, ai potenziali dipendenti viene offerta l'opportunità di sperimentare la cultura dell'azienda attraverso una visita agli uffici, un caffè con i potenziali colleghi o la proiezione di video di eventi aziendali.

Scarica qui la guida completa.

Se hai bisogno di aiuto su come gestire un colloquio o vuoi sapere quali sono i nuovi metodi utilizzati nel mercato del lavoro attuale (colloquio per competenze o altre tecniche), segui i nostri consigli di assunzione.

Se hai bisogno di informazioni aggiuntive, vuoi saperne di più sui nostri servizi non esitare a metterti in contatto con noi.

»
»


Contatti

 

»

Consigli di assunzione

»

Offerte di lavoro

»